Ronnie Hawkins - Dal Rockabilly a Muscle Shoals




Ronnie Hawkins - "S/t"- Roulette Records SR25078/R25078 -9/59
1.Forty Days 2.Odessa 3.Wild little Willy 4.Ruby baby 5.Horace 6.Mary Lou 7.Need Your lovin' (oh so bad) 8.Dizzy Miss Lyzzy
9.One of these days 10.Oh Sugar 11.What' cha gonna do (When the creek runs dry) 12. My gal is Red-hot





Ronnie Hawkins -"S/t"- Cotillion Records  SD9019 -?/70
1.One More Night 2.Bitter Green 3.I May Never Get To Heaven
4.Will The circle be Unbroken 5.Matchbox 6.Little Bird 7.One Too many mornings 8.Forty Days 9.Down in the alley 10.Who Do you Love
11. Home From the forest







Ronnie Hawkins è uno dei rocker originari della prima era, (anche se le sue prime incisioni risalgono al 1958, qualche anno dopo l'esplosione del r'n'r) e ha alle spalle una storia  avvincente e piena di episodi e incroci particolari.
La sua carriera inizia alla fine degli anni 50 e continua tutt' ora, nel mezzo : dischi leggendari, concerti, The Band, Dylan, John Lennon, Duane Allman, Jerry Wexler, cinema, Micheal Cimino e Bill Clinton.
Il suo esordio in Lp avviene con "Ronnie Hawkins" disco nel 1959 su Roulette Records, il suo rilancio 11 anni dopo con un altro disco omonimo su Cotillion (in realtà un disco omonimo era uscito anche nel 1969 su etichetta Yorkville, ma limitato al Canada).
Tutto inizia in Arkansas quando Ronnie Hawkins (nato nel 1935, e cugino di Dale Hawkins autore della immortale Suzie Q) inizia a suonare con Conway Twitty, nel 1957 forma Ronnie Hawkins and the Hawks con Ronnie Hawkins voce, Will "Pop" Jones al piano, Jimmy Ray Paulman chitarra e Levon Helm, appena sedicenne e futuro membro dei The Band, alla batteria.
Il gruppo suona nei circuiti del sud degli States, e su consiglio di Conway Twitty si trasferisce in Canada, incidendo anche un 45 giri, durante un rientro negli States viene ingaggiato dalla Roulette Records di New York.
Nel 1959 viene pubblicato l' Lp omonimo, uno dei migliori Lp di Rockabilly di sempre (non dimentichiamoci che all' epoca il formato predominante erano i 45 giri ) caratterizzato dal sound selvaggio ma preciso e dalla voce potente ed armoniosa di Hawkins.
Il disco è un esempio grandioso di rockabilly di fine anni cinquanta, con brani che oggi sono diventati dei veri e propri classici.
Foto della Label della mia copia in vinile di "Ronnie Hawkins " su Roulette R25078, versione mono, con la label bianca con raggi colarati usata dalla Roulette dal 1958 al 1962
Ronnie Hawkins - "Forty Days" (sample)


"Forty Days ", rifacimento del brano di Chuck Berry "30 Days" è una bomba: al pezzo del grande Chuck Berry, Hawkins aggiunge una ritmica rockabilly martellante, "Wild Little willie" è un selvaggio esempio di honky tonkin' rock, "Ruby Baby" (da non confondere con la Ruby Berlusconiana eh eh) e "Horace " sono due standard rockbailly, mid tempo il primo, più selvaggio il secondo.
Il lato A è completato dalla ballad "Odessa" dova la voce di Hawkins è in evidenza e la stupenda "Mary Lou" meraviglia R'n'b con i classici cori baritonali.
"Need Your lovin" è una ancora una prova di un grande cantante, "One of These Day" un brano con un classico stile rockabilly.
Nel disco anche i due hit super selvaggi "Dizzy Miss Lizzy" con i suoi riff lancinanti di chitarra e la super trascinante "My Gal is Red hot".
Due piccole curiosità: eccetto per "Forty Days" tutti i brani sono accreditati a Hawkins-Magill, invece che agli autori corretti (Larry Williams,Young Jessie..) almeno nella prima stampa; Seconda curiosità:  in questo periodo, come si vede dal video presente, Ronnie Hawkins utilizza già la tipica camminata  "Moon Walk" resa famosa da Michael Jackson.

Il disco, come detto, è un disco fondamentale di rockabilly, oggi raggiunge anche quotazioni molto elevate.
Nel 1960  per la Roulette incide "Mr. Dynamo" che diventerà anche un suo soprannome.
Trasferitosi ormai in Canada, continua a suonare dal vivo con Ronnie Hawks and The Hawks, incidendo anche dischi di folk country.
I membri originari, eccetto Levon Holm, verranno pian pian sostituiti da musicisti locali come Robbie Robertson  giovane sedicenne Canadese alla chitarra, Rick Danko, Richard Manue e Garth Hudson; cioè quelli che, prima accompagneranno Bob Dylan in molte session e live, e poi diventeranno The Band uno dei gruppi fondamentali della storia del Rock.
A metà degli anni sessanta, la carriera di Hawkins prosegue in Canada (dove è ormai famosissimo) tra live e country rock; nel 1969 grazie al giornalista di Rolling Stones Ritchie York ospita John Lennon e Yoko Ono nella sua casa in Ontario, durante la loro "Peace Campaign".
Lennon e Ono rimangono colpiti da Hawkins (del quale Lennon è un fan, lo stesso Hawkins ha dichiarato che John conosceva le sue canzoni meglio di lui), e Hawkins rimane affascinato da quei due personaggi a lui ,all' epoca, quasi sconosciuti.
Lennon rilancia volontariamente o involontariamente la carriera di Hawkins, parlandone continuamente e riportandolo sotto la luce dei riflettori, nel 1970 Ronnie viene messo sotto contratto dal factotum della Atlantic Records Jerry Wexler che gli fa incidere nei leggendari studi di Muscle Shoals su Cotillion (sussidiaria della Atlantic) l'  lp omonimo.
Ad accompagnare Hawkins c'è alla chitarra un giovane Duane Allman, quasi tutta la Muscle shoals band usata dalla Atlantic per i dischi di soul  e il grande produttore Tom Dowd.
"Ronnie Hawkins "  è uno dei primi incroci tra country (o meglio tra un cantante considerato Country e il mondo del rock -soul);  mondi ancora totalmente separati nel 1970  e non sempre molto in sintonia fra loro.
Il lavoro di Hawkins, insieme forse alle incisioni  dello stesso periodo di Johnny Cash (anche se legate al folk di dylan)  e alle session dei Byrds con Earl Scruggs hanno aperto la via a un nuovo stile, e "sdoganato" il Country presso il grande pubblico del Rock.
L'lp, con in copertina una faccia da  vero outlaw di  Hawkins, è un disco di Cover egregiamente suonate, da ballad di Dylan in stile country ("One more Night" e "one too many mornings") bellissime con la slide in evidenza, a brani di Gordon Light foot (la bellissima "Bitter Green") a  classici del folk (una bella versione di "Will be the circle unbroken"), a classici r'n'r ("Matchbox," e una "Forty Days " non selvaggia come quella del 1959 e una grande versione di "Who do you Love") a versioni country r'n'r del classico soul di Salomon Burke "Down in the alley".
Foto della label della mia copia in vinile di "Ronnie Hawkins" su Cotillion Sd9010, su label griglia -blu usata fino a metà anni settanta
Ronnie Hawkins - "Down in the Alley " (sample)
Il disco, seguito da un successivo lp nel 1971 "The Hawk" sempre per la Cotillon, e la riscoperta ad inizio anni settanta del r'n'r delle origini, rilancia la carriera di Hawkins che partecipa al film "The Last Waltz " della Band , continua a suonare dal vivo e diventa anche attore, partecipando addirittura al film di Michael Cimino "I confini del cielo" del 1980.
Per tutti gli anni seguenti e ancora oggi , prosegue la sua carriera ,ormai leggendaria, in Canada è una istituzionee per tutti gli appassionati di Rockabilly è una leggenda; sul suo sito personale si possono vedere anche le foto di Bill Clinton assieme a Ronnie Hawkins, l'ex presidente degli Stati Uniti sembra essere un fan di Mr. Dynamo. 
Keep on Rockin!
Quotazioni: "Ronnie Hawkins " su Roulette Records raggiunge quotazioni medie di circa 120 dollari americani per la veriosne mono, circa 200 quella stereo.con punte di 300 dollari.
"Ronnie Hawkins " su Cotillon Records viene valutato intorno ai 20 USD.

Tonypop

...un semplice appassionato

Nessun commento:

Posta un commento

Instagram