Lemonheads - Come on feel the Lemonheads




ATLANTIC 82537-2 10/1993

  1. The Great big no
  2. Into your arms
  3. It's about time
  4. Down about it
  5. Paid to smile
  6. Big gay heart (against violence)
  7. Style
  8. Rest Assured
  9. Dawn can't decide
  10. I'll do it anyway
  11. Rick james style
  12. Being Around
  13. Favorite T
  14. you can Take it with you
  15. The jello Fund

Tra il 1993 ed il 1994, Evan Dando -cantante e chitarrista dei Lemonheads- possedeva tutto quello che la crescente industria mainstream, alla ricerca di un epigono prima e di un sostituto dopo di Cobain, cercava:
Era belloccio, era alternativo al punto giusto, e il suo gruppo , i Lemonheads appunto, scrivevano delle ottime canzoni.
Tutto questo però non basterà per fare di Evan Dando una superstar, ma ciò non gli impedirà di aver dato alla luce un album fondamentale per il pop alternativo degli anni '90 come "Come on Feel the Lemonheads".
L'album in questione venne pubblicato l'anno dopo "It's a shame about Ray", disco che fece conoscere i Lemonheads al "grande" pubblico (Attenzione  collezionisti di vinile: la versione originale di "It's a shame..." non contiene la cover di "Mrs. Robinson" ,brano aggiunto in un secondo tempo dopo il successo del singolo); e raggiunse la 56° posizione nella classifica di Billboard, ma non permise (nonostante 4 singoli e la 67° posizione di "Into your arms") ai Lemonheads, anche per problemi personali del leader, di effettuare il grande salto.
Non bastarono camei cinematografici ("Giovani carini e disoccupati" film molto "cool" dei primi anni novanta con Ethan Hawke, Wynona Rider e Ben Stiller), e copertine di Magazine trendy e non  per ottenere la fama .
Evan Dando ,nato nel 1967 a Boston , forma i Lemonheads a metà degli anni '80, i quali nascono come band hardcore punk (3 dischi per la TAANG, tra cui nell 'album Lick la famigerata "Ca**o di Ferro cantata in italiano), poi il leader scopre Graham Parson, Gene Clark e il power pop , il gruppo firma per la Atlantice  e dà alla luce "Lovey" (1990), "It's a shame about Ray" (1992) e appunto "Come on feel the Lemonheads" (1993).
Il disco, (con la formazione dei Lemonheads composta da Evan Dando chitarra e voce, David ryan batteria e nick Dalton basso e cori) è un gioiellino di pop alternativo anni '90 e ha scritto e definito le regole del genere per decine di gruppi , e personalmente lo preferisco al precedente "It's a shame about Ray" sia perchè la sua fama non è legata solo al singolone "Mrs. Robinson" (come già detto non presente nella prima stampa) sia perchè sono più evidenti le influenze di Gram Parsons e Gene Clark (uno dei miei artisti preferiti).
L' Lp contiene la cover di "Into your arms" (originariamente degli Hummingbirds) brano pop sia nel testo che nella musica, i cori e le melodie sono prevalenti anche in "It's about time"  entrambi sono brani melodici ma con una base ritmica sempre presente.
"Big gay Heart" ,brano cantato con una voce da crooner, è  insieme a "Being Around" quello dove le influenze country rock sono più evidenti, anche grazie all' uso della pedal steel suonata da Sneaky Pete dei Flying burrito Brothers (e non aggiungo altro), e sono entrambi due gioiellini di puro country pop.
"I'll do it anyway" con Belinda Carlisle backing vocal è un pezzo in puro stile power pop con una ritmica che sembra rubata a Paul Collins(altra, a mio parere, influenza del disco), "Rick james Style " (altra guest star presente) è il pezzo meno pop, ma molto molto ritmato .
Come detto nonostante questo grande disco e Dando lanciato come nuova icona alternativa, i Lemonheads subirono uno stop, problemi personali del leader, progetti iniziati e mai finiti frenarono i Lemonheads: ci vollero altri 3 anni prima di un nuovo Lp ("Car button Clothes" 1996) ma ormai l'attenzione si era spostata verso il Britpop.
Dando fece ritorno verso la metà degli anni '00 con i Lemonheads, pubblicò dischi ed effettuò tournè senza infamia e senza lode, ma un disco come "Come on..." è senza dubbio un disco fondamentale, che ha avuto anche il merito di riportare power pop, il country rock  alla ribalta dopo anni di underground.
Nonostante sia un disco degli anni '90 e quindi  teoricamente abbastanza raro (si stampavano molti più Cd che Lp)  è possibile acquistarlo intorno ai 20 euro, più cara la versione (stampata  in 5000 copie ) in vinile verde.


Foto (un pochino sfocata)della label della mia copia in vinile di "Come on feel the Lemonheads,(1993)   Atlantic 7567 -82537-1,probabilmente copia originale europea .












Tonypop

...un semplice appassionato

Nessun commento:

Posta un commento

Instagram